Cristina Marino contro gli haters: “La gravidanza non è una malattia”

di Mariangela Ragno

Pubblicato il 2023-11-29

Cristina Marino moglie di Luca Argentero e mamma di Nina Speranza e Noè Roberto ha deciso di rispondere agli haters che l’hanno pesantemente accusata di allenarsi nonostante fosse incinta. Cristina è un’attrice, imprenditrice di 32 anni e donna libera. La ragazza ha deciso di rispondere a tutti coloro che l’hanno pesantemente criticata per aver deciso …

article-post

Cristina Marino moglie di Luca Argentero e mamma di Nina Speranza e Noè Roberto ha deciso di rispondere agli haters che l’hanno pesantemente accusata di allenarsi nonostante fosse incinta.

Cristina è un’attrice, imprenditrice di 32 anni e donna libera. La ragazza ha deciso di rispondere a tutti coloro che l’hanno pesantemente criticata per aver deciso di praticare sport durante la gravidanza.

Il racconto di Cristina

“Verso la fine della mia seconda gravidanza, ho pubblicato un video in cui mi allenavo, come ho sempre fatto nella mia vita, anche con il pancione. La gravidanza non è una malattia, ma un momento magico, un autentico stato di grazia, che va vissuto in maniera consapevole e libera”.

Difendere le proprie scelte è per Cristina la base per far fronte a queste accuse insulse e arcaiche. Fare sport durante la gravidanza, adduce la Marino, non aiuta soltanto lo spirito ma a beneficiarne, soprattutto, è la salute della mamma e del bambino stesso:

“Allenarsi può combattere il diabete gestazionale, l’aumento di peso, migliorare la tonicità muscolare e soprattutto l’umore”.

Purtroppo, nonostante ciò, Cristina ha confessato, durante la sua intervista a Le Iene, di essere stata giudicata e vessata da moltissime persone.

La donna dopo il parto

Cristina ha poi affrontato uno dei temi forse più difficili per una donna, quello del post partum, di come sia giusto prendersi cura di se ed essere in pace col proprio corpo:

“E’ fondamentale, specialmente quando gli ormoni interferiscono con l’umore, il sonno e il peso. Dobbiamo essere libere di prendere questo spazio per noi stesse, qualsiasi esso sia. Se lo fai, non sei un’invasata: hai solo scelto di volerti bene”.

In conclusione Cristina si è rivolta proprio alle donne rispondendo agli haters, sottolinenando quanto prendersi cura di se prima e dopo aver partorito, amandosi e dedicando del tempo a se stessi sia fondamentale per il bene di se e anche del bambino. Un gesto d’amore verso se stessi e gli altri.

Quante madri quotidianamente soffrono e cadono in depressione prima o dopo il parto. Perchè giudicare la scelta di una donna solo perchè talune persone credono che essere incinte, portare dentro di se una vita, implichi essere trattate come un contenitore troppo fragile da maneggiare. Una donna sa cosa è meglio per lei e per il suo benessere, che non implica per forza dover accontentare gli altri. Troppo spesso si sente parlare di depressione post partum, un tema che sta a cuore a tanti.

Ma cosa è stato fatto realmente per sopperire a questo problema? Cristina è l’esempio che tramite lo sport si può trovato una chiave di lettura differente della gravidanza.

Lo sport per Cristina, a parte la salute, è stato il motore attraverso il quale affrontare nel migliore dei modi questa vita che cresceva dentro di se, senza mai dimenticarsi di stare bene e accettare anche i cambiamenti che il suo corpo subiva.

Siate vita sempre in nome della vita che state per far venire al mondo.

ISCRIVETEVI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE WHATSAPP: CLICCATE QUI

 

Mariangela Ragno

Potrebbe interessarti anche