Morto a Roma Giampiero Galeazzi, era malato da tempo

di Giuseppe Scuccimarri

Pubblicato il 2021-11-12

La notizia purtroppo non giunge inattesa Giampiero Galeazzi si è spento a Roma all’età di 75 anni, era malato da tempo di diabete. Il popolare giornalista sportivo ex canottiere, conosciuto anche con il soprannome di “Bisteccone” a causa della sua mole da tempo si era ritirato dagli schermi a causa del diabete che ne aveva …

article-post

La notizia purtroppo non giunge inattesa Giampiero Galeazzi si è spento a Roma all’età di 75 anni, era malato da tempo di diabete. Il popolare giornalista sportivo ex canottiere, conosciuto anche con il soprannome di “Bisteccone” a causa della sua mole da tempo si era ritirato dagli schermi a causa del diabete che ne aveva compromesso la regolare deambulazione e procurato altri problemi fisici. Ha militato in Rai oltre 40 anni, occupandosi di tennis, calcio e canoa, quest’ultimo sport  lo aveva visto gareggiare da professionista e  diventatare campione italiano nel 1967 nonchè  partecipante alle selezioni per le Olimpiadi del 1968 a Città del Messico.

Memorabili le sue telecronache per le vittorie dei fratelli Abbagnale e della Coppa Davis di tennis, nonchè la lunga militanza come conduttore di Novantesimo minuto. Grazie a Mara Venier negli anni 90 il popolare telecronista era diventato anche un volto familiare per il pubblico della domenica pomeriggio Rai svestendo i panni del giornalista per vestire quelli dell’uomo di spettacolo. Goliardia, simpatia e professionalità faranno di lui uno di quei personaggi che resteranno nella storia del giornalismo televisivo, una vera e propria icona capace di intervistare Maradona negli spogliatoi del Napoli Campione d’Italia nonostante un gavettone piovutogli sulla testa e che lo aveva reso completamente fradicio. Condoglianze alla famiglia.

LEGGI ANCHE

Temptation Island all’…Ultima Fermata, partiti i casting

Giuseppe Scuccimarri

Giuseppe Scuccimarri, classe 1969, esperto di televisione e cronaca rosa con interessi anche per l'attualità e la politica nazionale e internazionale. Autore della commedia "Il delitto di Lord Arthur Savile" (2002) e del musical "La vita è una splendida canzone" (2014), ghostwriter per diversi autori e paroliere, amante della scrittura e della letteratura italiana e straniera.

Potrebbe interessarti anche