Luisella Costamagna vince Ballando con le Stelle, finale piena di polemiche e contestazioni

di Giuseppe Scuccimarri

Pubblicato il 2022-12-24

Luisella Costamagna ha vinto Ballando con le Stelle in una delle finali più nervose e contestate di sempre, dove le performance dei ballerini hanno spesse volte lasciato il posto alle diatribe tra giurati. Abbiamo tante volte detto quanto il programma abbia bisogno di essere svecchiato, dopo questa sera però si va a dormire con il …

article-post

Luisella Costamagna ha vinto Ballando con le Stelle in una delle finali più nervose e contestate di sempre, dove le performance dei ballerini hanno spesse volte lasciato il posto alle diatribe tra giurati. Abbiamo tante volte detto quanto il programma abbia bisogno di essere svecchiato, dopo questa sera però si va a dormire con il gran sospetto che qualcosa di pilotato ci sia stato. Per carità, la Costamagna è stata bravissima e probabilmente se non si fosse infortunata sarebbe stata comunque una delle protagoniste in tutte le puntate, ma i voti da casa depauperati da notai che in tempo reale riescono a riconoscere e togliere voti fake sembra una scusa poco credibile da parte della Carlucci, per non parlare di quelle puntate in cui non è stato eliminato nessuno per paura di perdere pezzi importanti.

Il programma ha avuto ascolti stellari figli anche di un cast di livello, peccato a un certo punto si sia avvitato su sè stesso, il peccato originale del conflitto di interessi Lucarelli/Biagiarelli ha condizionato più i giurati che i telespettatori, Selvaggia è stata giusta e onesta nei voti, si è innervosita quando quella stessa giustizia e onestà non la ha trovata negli altri giurati, Carolyn Smith e Guillermo Mariotto su tutti, la prima dovrebbe cominciare a capire che se sta dietro il bancone di uno show televisivo e non sulle piste un motivo ci sarà, il secondo che certe uscite sessiste sono più adatte a un bar di Caracas che a uno show in prima serata su Raiuno. La Lucarelli è stata mobbizzata dal fuoco amico senza che la padrona di casa sia intervenuta, anzi nel tentativo di coprire le polemiche la Carlucci ha fatto peggio, non dando alla Lucarelli la possibilità di controbattere alle bordate che le sono arrivate da tutte le parti compreso il responsabile del pubblico che ha incitato il medesimo a urla di malcontento ogniqualvolta Selvaggia prendeva la parola.

Per il resto il solito carrozzone messo su dalla Carlucci, 5 ore di diretta che se fossero state 3 avrebbero accontentato un pò tutti, la conduttrice ha infarcito anche quest’anno il programma con i suoi protetti, una piccola corte polacca la cui unica funzione è quella di allungare il brodo. Secondo è arrivato Alessandro Egger, terza Ema Stockolma, quest’ultima mette la ciliegina su un anno stupendo e su una esperienza che le ha portato anche l’amore di Angelo Madonia, il suo ballerino. Detto ciò forse dopo diciassette anni il format mai come adesso avrebbe bisogno davvero di una matita che ne ridisegnasse i contorni e una gomma che ne cancellasse gli errori anche a costo di ritrovarsi con un foglio bianco davanti, la stessa minestra alla lunga stanca figuriamoci quando comincia a sorgere il sospetto che il brodo sia stato allungato con l’acqua.

Giuseppe Scuccimarri

Giuseppe Scuccimarri, classe 1969, esperto di televisione e cronaca rosa con interessi anche per l'attualità e la politica nazionale e internazionale. Autore della commedia "Il delitto di Lord Arthur Savile" (2002) e del musical "La vita è una splendida canzone" (2014), ghostwriter per diversi autori e paroliere, amante della scrittura e della letteratura italiana e straniera.

Potrebbe interessarti anche