I Cesaroni, Alessandra Mastronardi dice no al remake

di Giuseppe Scuccimarri

Pubblicato il 2023-11-19

Non è rinnegare il passato tantomeno sputare nel piatto dove si è mangiato, è semplicemente la maturata consapevolezza di un personaggio che ha terminato il suo percorso e non può esprimere altro. Alessandra Mastronardi non interpreterà più Eva Cudicini, il personaggio con cui grazie a I Cesaroni è diventata popolare, una serie TV grazie alla …

article-post

Non è rinnegare il passato tantomeno sputare nel piatto dove si è mangiato, è semplicemente la maturata consapevolezza di un personaggio che ha terminato il suo percorso e non può esprimere altro. Alessandra Mastronardi non interpreterà più Eva Cudicini, il personaggio con cui grazie a I Cesaroni è diventata popolare, una serie TV grazie alla quale ha spiccato il volo verso una professione che le ha dato enormi soddisfazioni e continua a dargliene.

In questi giorni Alessandra ha terminato di girare una serie TV tedesca come co-protagonista interamente girata in un inglese perfetto, una serie che le ha arricchita molto a livello professionale e le ha fatto notare quanto all’estero gli autori si avventurino anche in sceneggiature poco buoniste, dove a volte a prevalere è l’unpolitically correct.

E proprio a proposito di serie tv Alessandra Mastronardi ha chiuso definitivamente la porta alla serie che la ha lanciata, queste le sue dichiarazioni in una recente intervista :

”Ho sentito delle voci, ma niente di ufficiale. Se lo rifacessero io non ci sarei. Non sono per i reboot (i rifacimenti, ndr) e non mi servono: quando i cicli si chiudono, si chiudono. In più il mio personaggio (Eva Cudicini, ndr) si era sposato, aveva fatto due figli, se tornasse sarebbe nonna: no grazie. E poi mica parliamo di un successo globale alla Friends”

Ma non finisce qui, la Mastronardi ha precisato che neanche guarderà un eventuale remake:
«No. Se voglio rivedere il cast de I Cesaroni ci vado a cena. Volentieri».

Perché lasciò?
«Decisi io, dopo averci riflettuto a lungo. Le scelte le soffro, ma poi non torno indietro. Non ero più io, non ero più quella cosa là. Volevo alzare l’asticella. La parte difficile è stata convincere gli altri ad accettare lo strappo».

Le dispiace che le ricordino ancora quella serie?
«Mi dispiace che ogni volta che si parla della mia carriera, si debba tornare indietro di 17 anni. Ho fatto anche Woody Allen (To Rome with Love, ndr), non lo dice mai nessuno ma pazienza

Giuseppe Scuccimarri

Giuseppe Scuccimarri, classe 1969, esperto di televisione e cronaca rosa con interessi anche per l'attualità e la politica nazionale e internazionale. Autore della commedia "Il delitto di Lord Arthur Savile" (2002) e del musical "La vita è una splendida canzone" (2014), ghostwriter per diversi autori e paroliere, amante della scrittura e della letteratura italiana e straniera.

Potrebbe interessarti anche