Grande Fratello, ecco i nove nominati della puntata del 27 novembre

di Giuseppe Scuccimarri

Pubblicato il 2023-11-28

C’era una volta il Grande Fratello, stasera verrebbe da dirlo più che mai, dato che si è avuta netta la sensazione che lo show sia pilotato e che non cambi strada in base all’esito delle dinamiche che man mano vengono proposte. Il pseudo triangolo fake questa volta sembra essere andato in frantumi, attori troppo esili …

article-post

C’era una volta il Grande Fratello, stasera verrebbe da dirlo più che mai, dato che si è avuta netta la sensazione che lo show sia pilotato e che non cambi strada in base all’esito delle dinamiche che man mano vengono proposte. Il pseudo triangolo fake questa volta sembra essere andato in frantumi, attori troppo esili per reggere il peso della centralità di un programma, ha vinto il buonismo e ha perso Mirko Brunetti che dopo essere stato lasciato in diretta da Greta Rossetti, da quel che si vede sarà mollato anche dalla ex storica Perla Vatiero. 

In 4 ore buone di diretta ci si è chiesti più volte quanto si siano annoiati gli altri concorrenti, costretti ad assistere a un triangolo fake che ha occupato quasi tutta la puntata, dando luce solo a tre persone escludendo di fatto le altre. Detto ciò, a proposito di fake anche l’incontro tra Angelica e il suo fidanzato è sembrato troppo costruito e senza sentimenti, il fidanzato ha provveduto a fare tutto ciò che era mancato nella sua visita precedente compreso dare un bacio alla fidanzata e dirle pubblicamente “ti amo”, il tutto tassativamente senza emozione alcuna.

Alla fine Angelica ha dovuto lasciare la casa e al televoto sono finiti in 9, Alex, Anita, Beatrice, Fiordaliso, Giuseppe, Massimiliano, Paolo, Rosy e Vittorio. Appuntamento a sabato per chi vorrà esserci.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE WHATSAPP, clicca QUI -> https://whatsapp.com/channel/0029Va80SUt2v1IjX0CbW03c

Giuseppe Scuccimarri

Giuseppe Scuccimarri, classe 1969, esperto di televisione e cronaca rosa con interessi anche per l'attualità e la politica nazionale e internazionale. Autore della commedia "Il delitto di Lord Arthur Savile" (2002) e del musical "La vita è una splendida canzone" (2014), ghostwriter per diversi autori e paroliere, amante della scrittura e della letteratura italiana e straniera.

Potrebbe interessarti anche